Carlo Cracco

Storia

Nasce a Vicenza nel 1965 e comincia la sua carriera da Gualtiero Marchesi a Milano. Dopo l’esperienza in Francia con Alain Ducasse e Lucas Carton, torna a Firenze, dove diventa primo chef all’Enoteca Pinchiorri. Gualtiero Marchesi lo richiama per l’apertura del suo ristorante L’Albereta” a Erbusco, dove Cracco lavora come chef per 3 anni; si sposta poi in Piemonte dove apre il suo primo ristorante “Le Clivie”, a Piobesi d’Alba dove dopo un anno, guadagna la stella Michelin. Dopo pochi anni, rientra a Milano, per l’apertura del ristorante Cracco-Peck. A Febbraio '18 si trasferisce in Galleria Vittorio Emanuele per il suo più grande progetto: una delle migliori cantine al mondo, il cafè Cracco, un laboratorio di pasticceria, il Ristorante Gastronomico ed una sala privata per eventi. Cracco è presidente dell’Associazione no-profit Maestro Martino, per la promozione della Cucina d’Autore.

Identità

Con l’inaugurazione del Ristorante in Galleria nel 2018 nasce il progetto ambizioso di Cracco Pasticceria. Nascosto tra le lunette dell’ottagono si sviluppa un vero laboratorio che opera tutti i giorni sotto la guida dello Chef Pasticcere Marco Pedron. Un luogo speciale in continuo movimento: dai lievitati alla viennoiserie sia dolce che salata per arrivare alla lavorazione del cioccolato ed alla realizzazione di torte, mignon e monoporzioni. Una produzione artigianale nel cuore di Milano.

Tre aggettivi

Elegante, Artiginale, Ricercato

Nasce a Vicenza nel 1965 e comincia la sua carriera da Gualtiero Marchesi a Milano. Dopo l’esperienza in Francia con Alain Ducasse e Lucas Carton, torna a Firenze, dove diventa primo chef all’Enoteca Pinchiorri. Gualtiero Marchesi lo richiama per l’apertura del suo ristorante L’Albereta” a Erbusco, dove Cracco lavora come chef per 3 anni; si sposta poi in Piemonte dove apre il suo primo ristorante “Le Clivie”, a Piobesi d’Alba dove dopo un anno, guadagna la stella Michelin. Dopo pochi anni, rientra a Milano, per l’apertura del ristorante Cracco-Peck. A Febbraio '18 si trasferisce in Galleria Vittorio Emanuele per il suo più grande progetto: una delle migliori cantine al mondo, il cafè Cracco, un laboratorio di pasticceria, il Ristorante Gastronomico ed una sala privata per eventi. Cracco è presidente dell’Associazione no-profit Maestro Martino, per la promozione della Cucina d’Autore.

Con l’inaugurazione del Ristorante in Galleria nel 2018 nasce il progetto ambizioso di Cracco Pasticceria. Nascosto tra le lunette dell’ottagono si sviluppa un vero laboratorio che opera tutti i giorni sotto la guida dello Chef Pasticcere Marco Pedron. Un luogo speciale in continuo movimento: dai lievitati alla viennoiserie sia dolce che salata per arrivare alla lavorazione del cioccolato ed alla realizzazione di torte, mignon e monoporzioni. Una produzione artigianale nel cuore di Milano.

Elegante, Artiginale, Ricercato