Ravioli di carne – 250g

9,00

Categorie,
Ideale per

,

Pasta fresca all'uovo ripiena
Piatto dalle grandi occasioni tipico della zona del milanese con un gustoso ripieno di trito di carni miste.
Ingredienti e allergeni: Pasta 60% (farina di GRANO tenero tipo 00, semola di GRANO duro, UOVA fresche da allevamento a terra 26%, acqua), ripieno 40% [stracotto di carne 68% [carne di bovino 26%, carne di vitello 26%, carne di suino 23%, vino rosso (contiene SOLFITI), preparazione di salumi (carne di suino, carne di manzo, sale, spezie, piante aromatiche, saccarosio, destrosio, conservanti: E250, E252; antiossidante: E301; vino bianco, aglio, infuso di aglio in vino rosso), cipolla, BURRO, sale, olio extravergine di oliva, gelatina, aglio, piante aromatiche, spezie], pangrattato (farina di GRANO tenero tipo 0, acqua, semola di GRANO duro, lievito di birra, sale, emulsionante: E472e, enzimi), Parmigiano Reggiano DOP (LATTE, sale, caglio), UOVA]. Spolverati con farina di riso. Potrebbe contenere tracce di crostacei, pesce, arachidi, soia, frutta a guscio, sedano, senape, semi di sesamo, lupini e molluschi.
Dichiarazione nutrizionale - valori nutrizionali medi per 100 g: Energia 1196 kJ / 284 kcal; Grassi: 8,1 g; di cui grassi saturi: 3,8 g; Carboidrati 34 g; di cui zuccheri: 0,8 g; Proteine: 17 g; Sale 0,65 g.
Conservazione: Conservare tra 0 e +4°C. Consumare previa cottura.

Peck S.p.A. Via Spadari 9, Milano. Prodoto da IT 9-433/L CE.

COSAPORTO - Chi siamo?

“Vieni a cena da noi stasera?” “Con piacere! Cosa Porto?” Il nostro servizio nasce per rispondere a questa domanda. Scegli il meglio dai migliori negozi della tua città e dimenticati la distanza e il traffico. Cosaporto è perfetto anche per una serata in famiglia o con amici, o per fare un regalo alle persone che ami! Ordina con Cosaporto, riceverai i tuoi ordini dove vuoi: a casa, in ufficio o direttamente a destinazione!

Perchè scegliere COSAPORTO?

  • Stessi prezzi del negozio
  • Consegna in tutta la città
  • Biglietto regalo scritto a mano
  • 10% di sconto sul primo ordine